Google+ Followers

Informazioni personali

La mia foto

Da piccola avevo un sogno, anzi 3 sogni uno dentro l'altro: le 3 M. Questo volevo diventare, questo volevo essere: moglie, madre e medico.
Adesso mi guardo intorno e vedo marito, figli e pazienti e sorrido. Ci sono riuscita.
Ed ho anche un figlio speciale.

venerdì 21 dicembre 2012

il divano.

Lui e io abbiamo dormito in sala, sul divano, praticamente tutto il suo primo mese di vita.
Papy era reduce dall'intervento, Lei malata e, soprattutto, io dovevo tirarmi il latte e darglielo, quindi mi svegliavo ogni 2 ore circa per prepararlo e poi svegliavo Lui.
Già doveva mangiare tassativemente ogni 3-4 ore...che fatica ragazzi!
Ma non volevo cedere alle aggiunte, il latte di mamma è ciò che di meglio c'è...e avevo bisogno di darglielo per fargli sentire tutto il mio amore. Ho allattato tutti, l'ultima 26 mesi, non potevo arrendermi con Lui che mi avevano detto avere molto bisogno dei miei anticorpi, no?
Che stress quei biberon da lavare e sterilizzare...ma una sera mi sono vendicata, mi sono addormentata e ne ho fusi 2. Non avevo mai visto un fumo così denso...ma i vigili del fuoco, interpellati telefonicamente, dopo essersi fatti una grassa risata, mi hanno garantito che ormai i bibe sono tutti fatti con materiale atossici. Sarà! La pentola , comunque, l'ho buttata , era irrecuperabile.
Poi un giorno, dopo la festa di S. Giuseppe, eravamo ai giardini e Lui piangeva dalla fame.
L'ho guardato e gli ho detto :" cucciolo attaccati!" attaccati perchè doveva arrangiarsi, attaccati perchè doveva...attaccarsi. E così ha fatto e l'incubo bibe è finito.
Peccato che li avessi appena ricomprati nuovi...ma li ho passati a Lei per giocare.
Qui nulla va sprecato, ringraziando Dio!

Nessun commento:

Posta un commento