Google+ Followers

Informazioni personali

La mia foto

Da piccola avevo un sogno, anzi 3 sogni uno dentro l'altro: le 3 M. Questo volevo diventare, questo volevo essere: moglie, madre e medico.
Adesso mi guardo intorno e vedo marito, figli e pazienti e sorrido. Ci sono riuscita.
Ed ho anche un figlio speciale.

mercoledì 30 settembre 2015

Piccoli trucchi con il Rosario.

Il Rosario è per me arma potente.
In più è comodo, perché puoi dirlo ovunque e senza troppa fatica.
E' anche ansiolitico, perché ripetere le Ave Maria calma decisamente i nervi.
Inoltre, che volete che vi dica, è un po' come dire alla Madonna: " io più di così non posso fare, pensaci decisamente Tu..."
E funziona.
Un'altra cosa che ho notato e che i Misteri si adattano alle situazioni della vita quotidiana con una precisione disarmante.
Per esempio:
Ho un'amica in difficoltà?
Il mistero Gaudioso di Maria che va a trovare S. Elisabetta è indicatissimo. La cugina ha bisogno e Lei parte. Aiuterà allo stesso modo la mia amica.
Ho un sogno ma non ho i mezzi per realizzarlo?
Il mistero Luminoso di Gesù che trasforma l'acqua in vino ( e che vino!), fa al caso mio. Non ho tanti mezzi, ma Lui li userà per il meglio.
Non so come affrontare un problema, non vedo la soluzione?
Il mistero glorioso della discesa dello Spirito Santo sugli Apostoli e le pie Donne, con la sua infusione di sapienza, è perfetto. Aiuterà anche me  a capire cosa devo fare. E se dovessi sbagliare, tramuterà di nuovo l'acqua in vino per me..

Ma devo riconoscere che c'è un mistero che dico proprio con slancio e passione:
il mistero gaudioso di Gesù perso e ritrovato nel Tempio , quando aveva solo 12 anni.
Lo dico per i figli , tutti i miei figli ma soprattutto per  gli adolescenti, che a volte sembrano proprio o quasi persi.
Ma la Madonna e S. Giuseppe li cercano e li ritrovano.
Sempre.
E per di più , nel Tempio.
E allora non mi arrendo e so, perché anche  Maria c'è passata, che certi momenti di dubbio, smarrimento e paura  con un figlio , passano.
E poi " ... Gesù cresceva in sapienza e grazia..."
Meglio di così...dove non arrivo io, ti prego, arriva Tu.

Comunque i misteri sono 20. Scommettete di trovare quello giusto per voi?

lunedì 28 settembre 2015

Quiz.

Piccola domandina .
Barra il preferito:
Preferiresti avere in casa
1- un adolescente solo ma con un solenne rifiuto delle figure dei genitori , per cui perennemente imbronciato e giudicante
2. un'orda di bimbi tra i 6 ed i 3 anni urlanti.

Sinceramente io scelgo l'opzione 2.

venerdì 25 settembre 2015

Ora niente più crema ;)

Ed il controllo è andato bene. Ho smesso con la crema  e sono passata dai Rosari di supplica a quelli di ringraziamento.
Felice io! E grazie a voi!

mercoledì 23 settembre 2015

immedesimazione.

E in attesa di una visita di controllo urgente per Lei, chiesta dalla NPI ( neuropsichiatra infantile), io ed il barattolo di crema di nocciole siamo diventati tutt'uno.
Anche come forma.

lunedì 21 settembre 2015

Nullità non annullamento.

"Papa Francesco semplifica ed abbassa i costi dei processi di annullamento dei matrimoni da Infovaticana.

Si elimina la doppia sentenza nei processi di nullità con accordo tra le parti e si studia la possibilità che diventino totalmente gratuiti. 
A meno di un mese all´inizio del prossimo Sinodo della Famiglia, Papa Francesco ha deciso di presentare oggi in Vaticano due documenti motu proprio:  Mitis Iudex Dominus Iesus e Mitis et misericors Iesus. 
Questi documenti papali espongono una riforma del Codice del Diritto Canonico, sia della Chiesa latina, che delle chiese orientali. Si rispetterà il principio dell’indissolubilità del matrimonio, ma si semplificherà il processo di verifica dell’effettiva nullità del matrimonio.
Questa semplificazione consiste nell´eliminare, ove esista l’accordo di entrambe le parti, il requisito della doppia sentenza per le dichiarazioni di nullità matrimoniale e sarà sufficiente solo una sentenza per annullare il matrimonio. In questo modo la prima sentenza, secondo i criteri stabiliti nei canoni 1630-1633, ha piena efficacia proprio come afferma il documento  Mitis Iudex Dominus Iesus.
i processi di annullamento del matrimonio, con la riforma introdotta dal Papa, saranno ora più brevi e la sentenza unica sarà firmata da un giudice sotto la responsabilità del Vescovo. Soprattutto nei casi in cui la nullità del matrimonio sia dimostrata con testimonianze e documenti evidenti.
Un altro dei cambi significativi è la composizione del tribunale in questi processi. Con la nuova riforma, dovrà essere formato da tre membri senza obbligo di appartenenza nella sua totalità al clero, e il membro del clero potrà avere due assistenti.
Il Santo Padre ha voluto comunque sottolineare l´indissolubilità del matrimonio, per far si che non si creino confusioni rispetto alle ragioni che hanno spinto a questa riforma. Durante la conferenza stampa si è anche discusso del fatto che la Chiesa non cancella i matrimoni, ma li dichiara nulli, quindi, dichiara che il matrimonio non è mai stato un matrimonio."

Questo Pontefice non cessa di stupire.
Adesso semplifica la possibilità del riconoscimento di nullità matrimoniale.
Il che non vuol dire che introduce il divorzio cattolico, come alcuni poco informati sostengono.
No, perché riconoscimento di nullità e divorzio sono cose diverse.
Indicare un matrimonio come nullo , significa riconoscere che non è mai esistito, cioè che i contraenti non avevano chiare o già sapevano di non voler rispettare le condizioni che rendono valido un matrimonio cristiano.
Condizioni come l'impegno alla fedeltà reciproca, all'accoglienza dei figli, alla consapevolezza dell'indissolubilità del vincolo....
Oggigiorno c'è molta confusione su questi temi, ed anche qui l'introduzione della legge sul divorzio ha reso tutto molto più precario, così come non sapere che l'apertura alla vita, sempre nell'ambito della paternità responsabile , è una caratteristica del Matrimonio cristiano.
Sposarsi e dire" finchè dura...." o "non voglio figli"
 o avendo l'amante, non permette la validità del vincolo, così come non la permette sposarsi costretti a farlo, quindi non di propria libera volontà.
Certo, un matrimonio non valido lo può diventare se i coniugi, vivendolo quotidianamente , rettificano le intenzioni, cioè lo vivono secondo  i consigli della Chiesa.
Ma il Papa conosce la confusione del nostro tempo e sa bene che spesso ci si sposa in Chiesa più per la cerimonia che altro, per cui vuole semplificare la possibilità che un matrimonio venga riconosciuto valido o meno in tempi brevi e con costi contenuti, perché chi ha sbagliato non si trascini questo sbaglio a vita e sia libero di contrarre nuovamente nozze...più consapevoli.
Questo S. Padre è proprio un ...papà.

Certo un pochino più di sana formazione prima del matrimonio aiuterebbe....

PS:
il Matrimonio è un Sacramento proprio perché si trascina dietro la Grazia, cioè tutto l'aiuto di Dio per viverlo al meglio.  Come se Dio Padre dicesse: "E' impegnativo, ma Io ti aiuto in tutti i modi. Quindi fidati di Me".

Noi e la crema.

"Mamma, voglio la merenda ma non trovo la crema di nocciole."
"E' finita, usa la marmellata."
"No mamma. Noi siamo una famiglia da crema di nocciole non da marmellata."
Logica ferrea, siamo andate a comprarla.
"Adesso basta c'è più crema che pane in quella merenda"
"Mamma, non si può limitare ad una bambina la sua crema. Non è proprio possibile"

Crema di nocciole-mamma 2 a 0.

lunedì 14 settembre 2015

Perdonare l'aborto.

"...Uno dei gravi problemi del nostro tempo è certamente il modificato rapporto con la vita. Una mentalità molto diffusa ha ormai fatto perdere la dovuta sensibilità personale e sociale verso l’accoglienza di una nuova vita. Il dramma dell’aborto è vissuto da alcuni con una consapevolezza superficiale, quasi non rendendosi conto del gravissimo male che un simile atto comporta. Molti altri, invece, pur vivendo questo momento come una sconfitta, ritengono di non avere altra strada da percorrere. Penso, in modo particolare, a tutte le donne che hanno fatto ricorso all’aborto. Conosco bene i condizionamenti che le hanno portate a questa decisione. So che è un dramma esistenziale e morale. Ho incontrato tante donne che portavano nel loro cuore la cicatrice per questa scelta sofferta e dolorosa. Ciò che è avvenuto è profondamente ingiusto; eppure, solo il comprenderlo nella sua verità può consentire di non perdere la speranza. Il perdono di Dio a chiunque è pentito non può essere negato, soprattutto quando con cuore sincero si accosta al Sacramento della Confessione per ottenere la riconciliazione con il Padre. Anche per questo motivo ho deciso, nonostante qualsiasi cosa in contrario, di concedere a tutti i sacerdoti per l’Anno Giubilare la facoltà di assolvere dal peccato di aborto quanti lo hanno procurato e pentiti di cuore ne chiedono il perdono. I sacerdoti si preparino a questo grande compito sapendo coniugare parole di genuina accoglienza con una riflessione che aiuti a comprendere il peccato commesso, e indicare un percorso di conversione autentica per giungere a cogliere il vero e generoso perdono del Padre che tutto rinnova con la sua presenza..."

dalla LETTERA DEL SANTO PADRE FRANCESCO
CON LA QUALE SI CONCEDE L'INDULGENZA
IN OCCASIONE DEL GIUBILEO STRAORDINARIO DELLA MISERICORDIA



Vi rendete conto di cosa ha fatto questo Pontefice?
No, non ha tolto il peccato dell'aborto. L'ha però, contestualizzato nel nostro mondo, così confuso, dove, essendoci una legge, la maggior parte delle donne  considera l'aborto un dritto e non una colpa.
Allora il Papa, che è Padre, spalanca le porte della Chiesa Misericordiosa e facilita il perdono di una colpa  invece così grave da recare la scomunica a chi lo pratica e a chi ci  si sottopone.
Certo, per essere scomunicati bisogna avere anche  la coscienza della colpa e , sempre per la legge, spesso questa non viene percepita; ma le conseguenze sono così devastanti che , il più della volte la donna ne rimane ferita per sempre. Il Papa allora  accoglie le donne sofferenti ed gli operatori ...pentiti, semplificandone il ritorno. 
Che dire? Grazie, S. Padre.

Vorrei che anche chi usa i corpi dei bimbi abortiti come merce, si ne rendesse conto di quello che fa e se ne pentisse.


mercoledì 2 settembre 2015

Cibi solo pronti, meglio.

E dopo le patate con lo zucchero,  ho condito i mirtilli con il sale.
Non ce la posso fare.

Ah, sciacquarli aiuta, ma non risolve.