Google+ Followers

Informazioni personali

La mia foto

Da piccola avevo un sogno, anzi 3 sogni uno dentro l'altro: le 3 M. Questo volevo diventare, questo volevo essere: moglie, madre e medico.
Adesso mi guardo intorno e vedo marito, figli e pazienti e sorrido. Ci sono riuscita.
Ed ho anche un figlio speciale.

lunedì 30 giugno 2014

Paternità

Una cosa che mi manca molto del mio Papà, era quel suo atteggiamento del "tranquilla, tutto è possibile, ce la farai."
Davanti ai problemi non si spaventava, sorrideva e ti infondeva fiducia e speranza.
Ora che lui non lo posso vedere e non lo posso chiamare, mi manca molto proprio quella tranquillità che infondeva...
Mi consolo pensando che comunque mi sta vicino e che , se Dio non si lascia battere in generosità, come si dice, non si farà battere neanche in Paternità, quindi, per essermi più Padre di mio Padre, non solo non può mollarmi un attimo, ma deve praticamente tenermi sempre in braccio.
E così tutto andrà a posto.

Anche perchè il mio Papi vigila.

compensazione.

Comunque devo dire che la cosa più difficile, almeno per me, dell'adolescenza è quell'atteggiamento altalenante che hanno i figli grandi a causa del quale, un giorno sono teneri agnellini, il giorno dopo feroci tigri furibonde.
Sembra di camminare sulle uova....
Se li becchi in buona, si parla tranquillamente e il tuo ego di mamma è soddisfatto della loro attenzione, se li becchi furiosi ti stracciano in mille pezzettini...anche se gli chiedi " cosa ti va di mangiare...."
Da questo punto di vista, avere in casa anche bimbi piccolini, teneri e paffutelli e , soprattutto mammaadoranti, salva molto l'autostima....almeno finchè l'adorazione non si sposta tutta sul papà.
Del resto si sa, più gli adolescenti sono legati ai genitori, più il distacco  costa.
E allora testa bassa, cuore in alto, sorriso sul volto  e ...baci ai piccoli.

venerdì 27 giugno 2014

cena 2

Ho un dubbio.
Se gli amici della cena delle seppie con piselli, che per me erano squisite, alla seratina mangereccia successiva mi hanno detto:"tranquilla, tu porta il vino...", hanno iniziato a leggere il blog?

Oh, mamma, la prossima volta  la cena devo organizzarla io...mi sa che mi  diranno: "tranquilla, tu metti le posate..."

martedì 24 giugno 2014

firmate?

http://www.change.org/it/petizioni/agli-scrittori-di-testi-scolastici-e-universitari-e-alle-case-editrici-degli-stessi-la-sindrome-di-down-non-e-una-malattia-ma-una-condizione-genetica-aggiornate-i-libri-di-testo-scolastici-e-universitari-l-uso-corretto-delle-parole-a-volte-pu%C3%B2-cambia?share_id=jXPmESXsBm&utm_campaign=friend_inviter_chat&utm_medium=facebook&utm_source=share_petition&utm_term=permissions_dialog_false

ciao ciao ikea.

Ok.
Ho restituito, per raccomandata , la tessera ikea.
Già già.
Abbiamo avuto un incidente con Lui sul passeggino e la porta girevole del negozio e nessuno ci ha aiutato per un tempo infinito, in più un dipendente si è permesso di dirmi che mi ero agitata troppo.
Intanto Lui era rimasto incastato nella porta e non riuscivo a raggiungerlo. E nessuno ci aiutava....
Ora, all'ikea non gliene importa nulla di una cliente in più o in meno, capisco.
Ma delle scuse mi sarebbe piaciuto riceverle, invece ho avuto solo commenti sarcastici.
Tant'è.
L'ARMADIO NUOVO L'HO PRESO DALLA CONCORRENZA.
e me lo hanno pure montato.
Mio marito è feliceeeee!

Ps, Lui sta benone, non si è fatto nulla. Per fortuna loro.

sindrome di Down, sindrome di Down, Sindrome di Downnnnnn

Ok, non sono impazzita.
Vi spiego: la prima cosa , o la seconda dopo un bel pianto, che si fa dopo una diagnosi di sdD, è fare un giro sul web per cercare di capire con cosa si ha a che fare.
Ora, purtroppo non sempre si capita su siti corretti e si può quindi incappare nel famoso libretto di istruzioni errato...addirittura c'è un sito che dice un sacco di ...non mi viene un termine carino, scusate! Tra cui  che i malati di sindrome possono essere addestrati.....
Considerando che i trisomici non sono malati perché la loro è una condizione genetica e si addestrano solo gli animali,  mentre le persone si educano....vi lascio immaginare il resto.
Allora ho pensato di mettere nuovamente la sindrome nel titolo di un post perché così,  magari, per fortuna o Provvidenza, dei genitori in ricerca potranno capitare da me e non su qualche sito ignorante.

E allora, se tu sei uno di quei genitori, ti dico, Coraggio!
Leggiti il miei post, guarda le foto di Lui, senti cosa ne dicono i fratelli e riempiti cuore e occhi di speranza.
Fidati di te stesso, fidati di tuo figlio, fidati di Dio ed accogli, non accetta, ma accogli, la tua creatura con amore e speranza.
Potrà essere una strada dura o faticosa, e non è detto, né obbligatorio,  ma l'amore che ne riceverai, la gioia, la ricompensa sarà unica.
E sai che ti dico? Se non sarai abbastanza furbo e un pochino egoista, effettivamente qualcuno sarà addestrato, ma quel qualcuno sarai tu, perché tuo figlio ti stregherà talmente tanto , che diventerà per te quello che era il Piccolo Principe per la Volpe.
Il colore del grano.
Ti abbraccio forte.

venerdì 20 giugno 2014

libretto di istruzioni.

Spesso le mamme  si lamentano del fatto che con il primo figlio non venga dato il libretto di istruzioni,  pertanto il piccoletto sarà tutta una scoperta.
Invece quando nasce un bimbo speciale,  molti fanno a gara a fornirti varie copie della fantomatica "guida al neonato speciale", che poi diventerà "guida al bimbo o all'adulto speciale".
Tutti sanno tutto.  E iniziano.
Sarà buono, obbediente, pacioso, gentile, sorridente....un bimbinone, mi disse un medico. Sempre malato, mi disse un altro.
Ora, voi sapete che a me non piace lamentarmi, in caso mi irrito ma difficilmente gnolo.
Però stavolta lo devo proprio dire.
Questo libretto, fa schifo!
Ed è pure una frode!
Lui non è come dicevano loro!
Lui è sano come un pesce, la sindrome può comportare varie patologie,  ma per ora siamo tranquilli.
Ed è una peste, cerca di fare sempre a modo suo, è scalmanato,  si arrampica ovunque,  fa la lotta con le sorelle, urla, bacia solo chi vuole lui...
Insomma questa stupida guida è fatta di stereotipi, so di altre mamme che se ne sono lamentate, non tiene conto del carattere unico ed irripetibile di ognuno, degli stimoli esterni, della genetica familiare....
Ma che lo danno a fare?
Neogenitori di bimbi speciali credetemi, appena ve lo danno, il libretto mentitore, buttatelo. E cercate indicazioni solo da chi questi bambini li conosce veramente, magari perché ne ha o ci lavora.
Fidatevi di chi sa, di chi sa veramente e vi dirà la verità,  cioè che vostro figlio è unico, crescerà a modo suo, avvolto nel vostro amore e avvolgendovi nel suo. Lento, veloce, allegro, triste, bello, brutto (a questo non credo, quale bimbo lo è per sua madre?), sano, malato....unico comunque.
E ancora: la realtà è che  vostro figlio è una meraviglia e vi stupirà ogni singolo , unico, indimenticabile , attimo.
Godetevelo.
Io lo so.

ancora Dani.


E poi ditemi se non sono stata fortunata a conoscerla! E mi ha presentato Sabrina e Lat, energia allo stato puro.
Mentre Liuba e famiglia sono già amici miei. Quand'è che ci rivediamo?

http://www.guardaconilcuore.org/racconti/modalita-easy-inserita/

Lui, che è un giudice severo, appena Dani gli si è avvicinata, ha iniziato a baciarla....sicuramente ha sentito il suo cuore amoroso.
Dani, a presto, spero,  anzi , prestissimo.
E di a tuo marito che le foto sono strepitose!

sabato 14 giugno 2014

per i papà.

http://www.tempi.it/videogallery/gli-auguri-dei-bimbi-down-ai-loro-papa-ottimo-lavoro#.U5hm6I1_trR

Guardatelo, impagabile.

parlare con gli occhi.

Lui non sa ancora parlare. Verseggia, direi.
Ha un suo linguaggio molto chiaro, però...almeno per noi, suoi umili servitori...
Indica con il dito e noi corriamo a prendere quello che vuole.
Guarda male qualcuno e noi pensiamo subito che sia un colpevole del reato di lesa maestà e lo guardiamo male anche in almeno altri 7.
Se una persona lo scoccia o lo preoccupa...gli dice "taotao " e lo saluta con la manina ed il messaggio è chiaro."hai rotto, sparisci."
Ammetto che una frase di senso compiuto , tipo "mamma passami l'acqua" sarebbe molto più pratico dell'agitare convulso del ditino e qualche versetto sempre più deciso, fino all'urlo conclamato, con uno sguardo che va da concentrato a speranzoso fino all'arrabbiato...ma ci ha educato bene, noi obbediamo, che volete farci....
A quegli occhi non si resiste.

http://www.guardaconilcuore.org/giornate-speciali/guardaconilcuore-va-in-trasferta/



Oggi ho conosciuto Daniela Tomasella,  il marito e la figlia, la mitica Emma.
Sono andata a cercarla ad un incontro  di integrazione culturale....devo ammettere che l'ho riconosciuta da lontano, con i suoi capelli rossi e la macchina fotografica , immancabile amica....
Ma la cosa incredibile è che lei ha riconosciuto me e Lui!
È così come traspare dal mio post su di lei e dal suo sito,  guardaconilcuore, allegra , profonda, sincera, con uno sguardo che ti entra nell'anima...vede la realtà in maniera essenziale.
Dani, sei un dono per tutti noi.
Grazie,  grazie per quello che fai.
E che dire di Emma? Solo che...è Emma.
ah, Giovanni,  non vedo l'ora di vedere le tue foto!






sabato 7 giugno 2014

Notizie tecniche


Lunedì 16 giugno su Rai3 in prima serata una puntata speciale della docu-fiction Hotel 6 Stelle, prodotta da Rai3 e Magnolia in collaborazione
con l’Associazione Italiana Persone Down (AIPD) e con il patrocinio del Segretariato Sociale Rai.


Guardatelo, vale la pena....per aiutare i ragazzi con sdD ad inserirsi nel lavoro, ma soprattutto per far capire al "mondo" che persone specialmente normali siano.







maggiori info su http://aipd.it/come-puoi-aiutarci/sms-solidale-aipd/









Maria risponde.

Ed ecco la risposta della mia consuocera....come vedete ho scelto bene ;):
 
"Grazie, tesoro mio! Anche io mi sto impegnando, anche se in modo meno raffinato... nel senso che in famiglia diamo per scontato che lei sia fidanzata. Ti faccio un esempio: quando parlo di qualcosa che riguarda lui, gli altri mi chiedono "lui chi?" e la mia risposta è "lui, lui, il fidanzato di lei, no?!" e loro rispondono "Ahhh, lui lui!". Quindi siamo già a buon punto, mi sembra.
Per il resto, qui a Reggio stiamo già lavorando perchè la vita insieme di due persone che si amano non sia solo un sogno di cui parlare sorridendo, ma un traguardo reale.
Intanto lei ha già provato il mio velo da sposa, quindi un altro pensiero ce lo siamo tolto. Ora, il fidanzato ce l'ha, il vestito pure... cos'altro manca?"

martedì 3 giugno 2014

pensando al futuro.

Lo ammetto.
Sto cercando pesantemente di influenzare mio figlio Lui.
Si.
Gli ho attaccato in camera il bellissimo calendario AIPD di Reggio Calabria.
Ma non seguo i mesi, nono.
L'ho messo fisso su uno solo, dove c'è la foto della meravigliosa figlia della mia amica Maria...
Te lo dico Marì: sto lavorando per diventarti consuocera.
Un bacio.

non chiedetemelo più.

E poi diventi una mamma speciale, e tutti pensano che , automaticamente, diventerai:
Buona e paziente con tutti
Allegra in qualsiasi situazione
Disponibile a sopportare la  qualunque
In grado di risolvere ogni difficoltà
Martire per definizione.
E no, queste sono qualità che tutti dovremmo avere.....o almeno provarci.

E infatti.....
Quando nasce un figlio che ti regala la qualifica di madre speciale, l'unica cosa che veramente ti arriva in più,  è una carica di amore infinito,  ma nei confronti di tuo figlio, non per forza del mondo intero, e una dose di grinta sterminata che ti porta a:
Essere buona e paziente con gli eventuali suoi , ma soprattutto i con i tuoi limiti con lui
Allegra per ogni suo progresso, anzi felice proprio
Disponibile per qualunque problema suo
In grado di cercare almeno le soluzioni migliori per le sue difficoltà
Guerriera per definizione
E, di sicuro, ti mette in grado di......
In....cavolarti decisamente se qualcuno te lo tocca o ti chiede :"perché lo hai tenuto?".
Perché è mio figlio, no?
Se non ti è chiaro il motivo, leggiti il mio blog....grrrrrrrr.

Ecco cosa ci rende mamme speciali:
L'istinto di protezione nei confronti dei nostri figli....profondo, infinito, feroce.

Un consiglio: non mettetelo alla prova, potreste uscirne parecchio danneggiati.