Google+ Followers

Informazioni personali

La mia foto

Da piccola avevo un sogno, anzi 3 sogni uno dentro l'altro: le 3 M. Questo volevo diventare, questo volevo essere: moglie, madre e medico.
Adesso mi guardo intorno e vedo marito, figli e pazienti e sorrido. Ci sono riuscita.
Ed ho anche un figlio speciale.

giovedì 20 dicembre 2012

gioia

Non è felicita. La felicità è troppo evanescente.
E' più un misto tra gioia e serenità, qualcosa di intimo e profondo.
Il cielo è limpido, il sole caldo, gli uccellini cantano.
LUI sta bene, cuore, sangue, occhi hanno parametri di un bimbo NORMALE.
Quanta importanza ha questa parola, fatta da poche letterine.
 La sindrome lo rende diverso, il nostro Amore lo rende speciale. Insieme questa cose si compensano e LUI per noi  è normale.
Grazie Signore, grazie.


Nessun commento:

Posta un commento