Google+ Followers

Informazioni personali

La mia foto

Da piccola avevo un sogno, anzi 3 sogni uno dentro l'altro: le 3 M. Questo volevo diventare, questo volevo essere: moglie, madre e medico.
Adesso mi guardo intorno e vedo marito, figli e pazienti e sorrido. Ci sono riuscita.
Ed ho anche un figlio speciale.

martedì 5 febbraio 2013

La giornata della Vita, la mia festa.

La Giornata della Vita io l'ho sentita come se fosse stata una  mia festa personale.
In realtà qui c'era il compeanno di Lei e il complemese di Lui, con torte e candeline ed altri annessi e connessi, quindi veramente i festeggiamenti sono stati molto...vivaci.
Ma la festa della Vita è la festa delle donne-mamme. Non in senso stretto, no.
Ogni donna che accoglie l'altro è mamma.
Chi fa volontariato, chi aiuta il vicino, chi consola l'amica, chi ha figli....la femminilità è accoglienza, la maternità è accettazione e protezione dell'altro.
Le donne generano  la vita, gli uomini veri la proteggono.
Quando le mammine giovani mi chiedono come faranno ad amare il secondo figlio che aspettano come  adorano il primo, dentro di me sorrido.
Non lo ameranno nello stesso modo, non è possibile.
Ma lo ameranno, oh se lo ameranno!
Lo ameranno in maniera tutta personalizzata per come è fatto lui.
Ogni figlio è una persona a sè, ogni amore si adegua alle caratteristiche del nuovo.
Ed incredibilmente, anche se il secondo o terzo o quarto figlio sarà completamente diverso da tutti gli altri, l'amore sboccerà profondo, inarrestabile ed invincibile.
Ah, certo, non sempre sarà amore a prima vista. Capita che il calo orminale dopo il parto, crei qualche problema e renda la vita un po' difficile alla neomamma, che magari si sentirà inadeguata...ma poi l'amore vince tutto...fidatevi.

e voi , papà....sostenete le vostre compagne, sempre, ed imparerete da loro ad essere accoglienti anche voi!

3 commenti:

  1. ciao cara,oggi ti vengo a trovare sul blog....

    RispondiElimina
  2. la giornata della vita, come dici tu, è la festa di tutti coloro che accolgono gli altri, in casa nel cuore nella propria vita.
    che il nostro ventre diventi casa è una grazia che ci viene donata!

    RispondiElimina