Google+ Followers

Informazioni personali

La mia foto

Da piccola avevo un sogno, anzi 3 sogni uno dentro l'altro: le 3 M. Questo volevo diventare, questo volevo essere: moglie, madre e medico.
Adesso mi guardo intorno e vedo marito, figli e pazienti e sorrido. Ci sono riuscita.
Ed ho anche un figlio speciale.

mercoledì 17 aprile 2013

concorso.



Poiché Antonella Vì di coloridellamore http://www.coloridellamore.blogspot.it/ ha lanciato questa proposta ed io la stimo molto...obbedisco.
E partecipo.
Allora.....si tratta di parlare della disabilità, incoraggiando a guardarla con il cuore....io vado alle origini.

se tu guardassi con il cuore mentre mi fai l'ecografia
mi vedresti spaventata e preoccupata,
vedo nei tuoi occhi che qualcosa non ti quadra,
ma non parli....
se tu guardassi con il cuore capiresti
che i paroloni medici che usi non li capisco e mi stanno spaventando.....
dimmi cosa noti, ma con parole semplici
perché io possa capire cosa devi dirmi.....
Se tu guardassi con il cuore mentre mi suggerisci di abortire
capiresti che il feto di cui mi parli è il mio bambino
e la sua disabilità è diventata la mia.....
mi stai invitando a strapparmi via una parte di me
come se nulla fosse, ma non è così.
se tu guardassi con il cuore lo sapresti
che se tu mi incoraggiassi e mi spiegassi
che mio figlio, fragile e potente, sarà la mia più grande gioia
il mio cuore si aprirebbe alla speranza
e il tuo cuore vedrebbe tutto l'amore che già io ho
e che il mio bambino reclama per sé.

Per fortuna tanti miei colleghi usano cervello, occhi e cuore....vi auguro di incontrarli sempre.
E adesso...dite la vostra.

6 commenti:

  1. che tu fossi una persona speciale l'avevo capito subito, anche io ti stimo molto

    RispondiElimina
  2. Per le mie gravidanze abbiamo deciso di non sottopormi ad esami invasivi, come la villocentensi o amniocentesi, e a chi ci chiedeva perchè, rispondevamo che il risutato non ci sarebbe servito...qualsiasi cosa succedesse noi la nostra decisione l'avevamo già presa quando abbiamo scelto di avere un figlio..... quasi tutti ci guardavono come se fossimo degli extraterrestri.
    Beh a queste persone vorrei far leggere la tua poesia.
    E' stato un piacere conoscere te e il tuo blog.

    RispondiElimina
  3. uh, ciao! arrivo subito da te a fare un giretto!

    RispondiElimina
  4. Ciao! Ho partecipato anche io al contest di Antonella, ma leggo solo adesso il tuo post.
    Sono contenta di essere "arrivata" da te, tornerò spesso perchè mi è bastato un momento per capire che sei una donna speciale :-)
    Un caro saluto, a presto!

    RispondiElimina