Google+ Followers

Informazioni personali

La mia foto

Da piccola avevo un sogno, anzi 3 sogni uno dentro l'altro: le 3 M. Questo volevo diventare, questo volevo essere: moglie, madre e medico.
Adesso mi guardo intorno e vedo marito, figli e pazienti e sorrido. Ci sono riuscita.
Ed ho anche un figlio speciale.

lunedì 25 novembre 2013

Ciao Papi

E così il mio Papà se ne è andato in Cielo.
Lui, sempre presente  anche nei suoi silenzi.
Sempre sorridente, anche nel dolore.
Sempre allegro, anche nella sofferenza.
Se ne è andato con la stessa signorilità con cui ha vissuto, con la stessa forza e la stessa eleganza.
Papi, da figlia ti dico grazie per avermi amata.
Da madre ti dico grazie per avermi insegnato ad educare .
Da moglie ti  dico grazie per avermi mostrato con l'esempio  l'amore incondizionato.
Da medico ti dico grazie per avermi fatto vedere la dignità del dolore.

Per ora di più non posso scrivere.
Con gli occhi pieni di lacrime la tastiera non si vede bene...

Ma ve lo dico: ora che lui è in Cielo, la nostra vita sarà più semplice......non ci abbandonerà di certo.

Ciao Papi, un bacio.

3 commenti:

  1. mi unisco alla tua preghiera e a quella dei tuoi cari. Chiara Corbella diceva: siamo stati creati per non morire più. questa verità da coraggio e tanta speranza, perchè tutti noi supereremo questo mondo ma poi godremo della vera vita e la morte non potrà separarci mai più.
    Isabelle

    RispondiElimina