Google+ Followers

Informazioni personali

La mia foto

Da piccola avevo un sogno, anzi 3 sogni uno dentro l'altro: le 3 M. Questo volevo diventare, questo volevo essere: moglie, madre e medico.
Adesso mi guardo intorno e vedo marito, figli e pazienti e sorrido. Ci sono riuscita.
Ed ho anche un figlio speciale.

mercoledì 9 luglio 2014

Da Guendalina a Reginaldo.

E ho cominciato a correre con E.
Lei abituata da mesi di allenamento, correva elegante e composta.
Io disabituata da anni di divani, arrancavo dietro come l'oca Guendalina degli Aristogatti.
E poi....zac, mi sono storta un ginocchio.
Così non posso più correre e, soprattutto, sono diventata instabile come lo zio Reginaldo...e non ho manco la scusa dell'alcol.
Povera me.

Nessun commento:

Posta un commento