Google+ Followers

Informazioni personali

La mia foto

Da piccola avevo un sogno, anzi 3 sogni uno dentro l'altro: le 3 M. Questo volevo diventare, questo volevo essere: moglie, madre e medico.
Adesso mi guardo intorno e vedo marito, figli e pazienti e sorrido. Ci sono riuscita.
Ed ho anche un figlio speciale.

mercoledì 21 gennaio 2015

Il Papa. Chiariamoci.

http://it.radiovaticana.va/news/2015/01/19/papa,_aereo_trascrizione_integrale_del_testo/1119009

Credo che ci sia un pochino ( !) di confusione su quello che ha detto il Papa sulla paternità responsabile.

Allora vi posto il discorso integrale. Ritengo sia necessario leggerlo tutto per poter capire meglio cosa abbia detto.

Alcune considerazioni:
  • non si è inventato nulla. I cattolici sono chiamati ad avere figli usando cuore, testa e fiducia in Dio. Nessuno ha mai detto fate 18 figli o fatene 1. Moglie e marito devono decidere in coscienza cosa fare, sempre tenendo a mente anche la prudenza umana...e la provvidenza divina. Giovanni Paolo II ha scritto un libro dal titolo , guarda un po', "Paternità responsabile".

  • La frase sui conigli: " Alcuni credono che- scusatemi la parola-  per essere buoni cattolici dobbiamo essere come conigli, no? No. Paternità responsabile."  Non è il Papa che ci paragona a conigli, riferisce quello che altri dicono . Anche di me.

  • "Per la gente più povera un figlio è un tesoro. È vero, si deve essere anche qui prudenti. Ma per loro un figlio è un tesoro. Dio sa come aiutarli. Forse alcuni non sono prudenti in questo, è vero. Paternità responsabile. Ma guardare anche la generosità di quel papà e di quella mamma che vede in ogni figlio un tesoro." Il Papa non dice non fate figli, dice usate la testa.

  • "Io credo il numero di 3 per famiglia che lei menziona, credo che è quello che dicono i tecnici: che è importante per mantenere la popolazione, no? 3 per coppia, no? Quando scende questo, accade l’altro estremo, che accade in Italia, dove ho sentito – non so se è vero – che nel 2024 non ci saranno i soldi per pagare i pensionati. Il calo della popolazione, no? Per questo la parola chiave per rispondere è quella che usa la Chiesa sempre, anche io: è paternità responsabile."  se è possibile fatene di figli, almeno 3. 

  • "Questo è chiaro e per questo nella Chiesa ci sono i gruppi matrimoniali, ci sono gli esperti in questo, ci sono i pastori, e si cerca. E io conosco tante e tante vie d’uscita lecite che hanno aiutato a questo." Esistono i metodi naturali, basta conoscerli bene ed usarli propriamente.

  • " l’apertura alla vita è condizione del Sacramento del matrimonio. Un uomo non può dare il sacramento alla donna e la donna darlo all’uomo se non sono in questo punto d’accordo, di essere aperti alla vita. A tal punto che, se si può provare che questo o questa si è sposato con l’intenzione di non essere aperto alla vita, quel matrimonio è nullo, è causa di nullità matrimoniale, no? "
E già.

Decidere di avere figli è un atto di fede nella vita ed in Dio. Ci sono circostanze gravi, come aver avuto 7 cesarei, che possono implicare la prudenza di non averne altri e quindi l'uso dei metodi naturali. Questa è paternità responsabile.
E poi c'è la fiducia in Dio. Un figlio arriva lo stesso? Dio ti aiuterà. Ecco cosa c'è di diverso tra metodi naturali e contraccezione. La fiducia in Dio.
Che poi, se usati bene, i rischi che i metodi naturali non funzionino, sono veramente bassi.
Vi prego di leggere tutto anche perchè voglio che vi sia chiaro che non ho tagliato o modificato nulla a mio piacimento.
Io non sono l'ansa.

3 commenti:

  1. Ho letto tutto...e ti ringrazio. Però nel testo integrale lui dice di aver sgridato la donna all'ottavo figlio dopo sette cesarei. Capisco ilrischio...ma allo stesso tempo, mi sono messa nei panni di quella donna e mi si è stretto il cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La signora stessa sembra abbia accennato al fatto di non usare la paternità responsabile. Qualunque padre si sarebbe preoccupato per una figlia all'ottavo cesareo! Smuack

      Elimina
  2. Io ho apprezzato l'umanita di questo papa e credo che ultimamente si stravolgano molto i suoi discorsi. Paternità responsabile implica una consapevolezza....un figlio è un dono e come diceva mia nonna "ogni figlio viene con il cestino ...dio vede e provvede".... il rimprovero all ottavo Cesareo forse è molto premuroso e amorevole ma nello stesso tempo non mi sembra così grave come rimprovero; in quanto all'essere conigli il Papa si è solo riferito a parole dette da altri e lo ha detto anche chiaramente. se ascoltato bene questo Papa non ha bisogno di chiarimenti .....Annalisa tu sai come la penso ne ho 5 di figli quindi però capisco chi ne fa uno che fa 7 chi ne fa tre importante è che questi figli siano sentiti come dono e non come diritto è affidarsi al Signore ciao Veronica un bacio a tutti <3

    RispondiElimina